Record & Publishing Company
contributi DL Cura Italia SIAE per esecutori interpreti autori

SIAE: niente più borderò per le feste private

Riportiamo qui di seguito quanto contenuto sul sito esibirsi.it 

Dall’8 luglio SIAE ha abolito la compilazione del programma musicale (borderò) per feste private.
Resta in essere ovviamente l’obbligo da parte dell’organizzatore di fare il permesso ed effettuare il pagamento delle tariffe che restano invariate.

Semplicemente l’organizzatore che andrà ad aprire il permesso SIAE non avrà più la possibilità di assegnare il programma musicale e quindi l’artista non avrà nulla da compilare.

Specifichiamo che SIAE per feste private si intende un evento privato (Compleanni, Matrimoni, Festa di Laurea, Anniversario di matrimonio, Battesimo, ecc.), cioè riservato ai soli invitati, che si svolge in un locale pubblico.

Diamo comunicazione oggi di questa novità grazie alla segnalazione da parte di alcuni soci perché ad oggi SIAE no ne ha dato comunicazione ufficiale attraverso i propri canali istituzionali ma esclusivamente attraverso circolare interna destinata ai mandatari. Abbiamo quindi dovuto accertarsi con il nostro mandatario di riferimento che ringraziamo per la disponibilità.

N.B. Attenzione: la definizione di FESTA PRIVATA relativamente ai Permessi SIAE è diverso da quello generico di festa privata spiegato in altro articolo.

News

contributi DL Cura Italia SIAE per esecutori interpreti autori

FIPE e SIAE Siglano Accordo: Musica Legale nei Locali e Basta con l’Abusivismo

L’accordo tra FIPE-Confcommercio (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) e SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), in vigore dal 1° gennaio 2024, mira a portare più musica nei locali pubblici e a semplificare i criteri di calcolo dei compensi per l’organizzazione di intrattenimenti musicali. Questo accordo rappresenta un cambiamento significativo nel settore, promuovendo una maggiore responsabilizzazione dei locali e la lotta contro gli eventi musicali abusivi, a vantaggio sia del settore che dei titolari dei diritti d’autore.

Leggi »

O fai tanti ascolti, o Spotify non ti paga

La piattaforma non verserà più le royalties agli artisti sotto una certa soglia di streaming. L’intenzione è premiare i professionisti, il risultato potrebbe essere l’ennesima mortificazione di chi fatica a emergere. In un sistema in cui tutto o quasi già finisce nelle tasche di pochi “pesci grossi”

Leggi »
Per ora è tutto...